POR FESR Veneto

Che cos'è il POR FESR 2014-2020 Veneto


Il Programma Operativo Regionale (POR), è lo strumento attraverso cui la Regione del Veneto, grazie ai circa 600 milioni di euro messi a disposizione dall’Unione Europea, dallo Stato e dalla Regione stessa, svilupperà dal 2014 al 2020 un piano di crescita sociale ed economica nei settori dello sviluppo industriale, dell'agenda digitale, dell'ambiente e dell'innovazione.
Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, detto sinteticamente FESR, è uno dei Fondi strutturali e di investimento europei il cui obiettivo è quello di finanziare progetti di sviluppo all’interno dell’Unione europea.

 

La strategia di comunicazione del POR FESR 2014-2020 prende le mosse dalle disposizioni comunitarie di cui al Regolamento (UE) n. 1301/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e a disposizioni specifiche concernenti l'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" nonché dal Regolamento (UE) n. 1303/2013 (artt. 115 e 116) che disciplina, tra l’altro, il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) che cofinanzia il Programma Operativo Regionale (POR) FESR 2014-2020 della Regione del Veneto approvato dalla Commissione Europea il 17/08/2015.  
 
Tali disposizioni individuano la necessità di sviluppare una strategia di comunicazione a sostegno degli obiettivi del Programma Operativo in grado di migliorare e intensificare la comunicazione della Comunità Europea con i cittadini e con tutti i pubblici interessati dal POR FESR, attraverso un approccio strategico, coordinato e di lungo termine. 
 
La strategia Europa 2020 trova in Veneto la sua declinazione più recente nell’ambito del “Rapporto di sintesi della strategia regionale unitaria 2014-2020” (DGR 657/2014), che evidenzia la Strategia della Regione rispetto agli obiettivi tematici stabiliti dal Reg. UE n. 1303/2013. I cinque obiettivi che l'UE è chiamata a raggiungere entro il 2020 riguardano: 1. Occupazione (innalzamento al 75% del tasso di occupazione per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni;  2. R&S/Innovazione (raggiungimento del 3% del PIL dell'UE nella quota di investimenti in ricerca e sviluppo ed innovazione sul totale, tra pubblico e privato);  3. Cambiamenti climatici/Energia (riduzione delle emissioni di gas serra del 20% rispetto al 1990; raggiungimento del 20% del fabbisogno di energia ricavato da fonti rinnovabili; aumento del 20% dell'efficienza energetica);  4. Istruzione (diminuzione dell’abbandono scolastico al di sotto del 10% e raggiungimento del 40% dei 30-34enni con un diploma universitario);  5. Povertà/Emarginazione (diminuzione delle persone a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione di almeno 20 milioni di unità). 
 
Il POR FESR Veneto 2014-2020 si pone in continuità con le esperienze positive maturate nella programmazione 2007-2013 e allo stesso tempo assume in pieno la logica propria del periodo di programmazione 2014-2020 in relazione all’enfasi accordata alle linee programmatiche regionali in materia di ricerca e innovazione, agenda digitale, politiche industriali, energetiche e di tutela ambientale.  
 
Le attuali politiche di sviluppo della Regione Veneto poggiano in misura consistente sulle azioni cofinanziate dalla UE rivolte alla qualificazione del sistema imprenditoriale e socio economico della regione. La comunicazione specialistica rivolta alla diffusione della  
comune identità europea, alla crescente sensibilizzazione di potenziali beneficiari delle misure cofinanziate dal POR FESR 2014-2020, come anche degli altri Fondi europei, acquisisce pertanto una valenza che va ben oltre il comunicare il FESR.  
 
Le potenzialità, le attese e gli obiettivi di sviluppo sostenibile regionale richiedono, per il dato strutturale del contesto attuale, una decisa e progressiva integrazione culturale e funzionale nell’orizzonte europeo. La strategia di comunicazione del POR FESR Veneto 2014-2020 si ispira a questa visione.